mercoledì 12 gennaio 2011

Recensione: Perù Tweed by Cigno Nero Vimar 1991

Vedere le vetrine addobbate di rosso, verde e oro mi fa sempre venir voglia di dilapidare fortune.
Cogliendo l'occasione dello Swap Natalizio 2010 di Ravelry e la momentanea tranquillità economica che avevo, ho fatto la follia di acquistare un po' di filati - sia via internet tramite Unfilodi.com, sia nel LYS più vicino a casa mia.
Girare per gli scaffali e guardare tutti i gomitoli, di tanti colori e di tante diverse composizioni... toccare, sentire la composizione tra le dita e lasciare che la mente vaghi in mezzo a un mare di ispirazioni, di riviste anni '50, appunti dei primi del '900. Che poesia!
Così, nel bel mezzo di questo naufragare nei filati, ho toccato questo tweed... e me ne sono innamorata perdutamente.
Intanto per i colori, uno più bello dell'altro e soprattutto nelle mie corde (tutti colori neutri come quello che ho preso), poi perché era un tweed, terzo perché in mezzo alla composizione c'era quel bel 25% di Alpaca fine che va sempre bene.

Scheda Prodotto

Cigno Nero Vimar 1991 Perù tweed
70% Pura lana vergine
25% Alpaca fine
5% Poliamide
50gr / 165 mt. // 2 ply
Lavare a 30C° lavaggio delicati, a mano o a secco. Non candeggiare. Non centrifugare.

Campione 5 st / 7 rows con ferro 3.5 mm (prima del lavaggio)
Campione 4,5 st / 6 rows con ferro 3.5 mm (dopo il lavaggio)

Dimensioni pre lavaggio del campione: 20 cm lunghezza per 14 altezza
Dimensioni post lavaggio del campione: 23cm lunghezza per 15 cm altezza


Ero convinta di riuscire a lavorarlo con il 4 mm, ma ahimé - se proseguivo con questa convinzione non avrei ottenuto un campione, ma una rete da pesca, con la mia mano lentissima.
Lavorarlo è stata un'esperienza nella media; è un bel po' pelosetto, fa abbastanza prurito, sicuramente dovuto alla grande componente lanosa.
Odora misto pecora e plastica, ma non lo è così tanto da renderlo irrespirabile.



Eviterei di produrci cappelli e cowl, credo, per il fattore prurito - specie se si ha intenzione di donarli a qualcuno che è decisamente intollerante al prurito della lana.
La lavorazione con i pezzettini thick-thin fa la sua figura anche nella maglia rasata, le trecce sono finalmente come piacciono a me (forse per il 2ply?): non troppo sporgenti ma ben sottolineate.
La reazione post-lavaggio non è stata negativa: é cresciuto in lunghezza molto rispetto a quello che mi aspettassi, tenendo conto della componente acrilica, ma a priori credo che un filato con questo corpo sia perfetto per fare lavorazioni in leggero positive ease.

In conclusione m'è piaciuto parecchio, diciamo che in offerta non me lo lascerei scappare. Secondo me sarebbe perfetto per fare un Chullo, il tipico cappello andino; su Ravelry consiglio:

Andean Chullo Hat

 image by nanetteb
  

Polar Chullo 

image by PatKing

Giudizio complessivo
Qualità/Prezzo: 3/5
Cartella Colori: 2/5
Risultati: 3.5/5
Trecce: 4/5
Fair-Isle: 3/5
Lavaggio: 3.5/5 (con balsamo)
Bloccaggio: 4/5
Resa: 3.5/5

Voto complessivo: 3.5/5

Per un bel Chullo, lo comprerei subito.
Magari rivestendolo internamente con il pile.

2 commenti:

silvia 66 ha detto...

Ciao fortissimo blog, ti aggiungo al mio perchè è interessantissimo in più ho la possibilità di seguire le tue preziosissime spiegazioni, visto che me la cavicchio le traduzioni sono veramente utilissime. Un saluto e complimenti.

Arrina ha detto...

Ciao....preziosissimo il tuo blog!
Indispensabile il tuo lavoro, per chi ,come me, adora i modelli di Ravelry......ma non sa fare le traduzioni!
Un saluto, a presto
Laura

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails