lunedì 11 aprile 2011

La viscosa, un'altra sconosciuta

La viscosa è un materiale artificiale (ma non totalmente sintetico) derivato da trattamenti chimici su fibre vegetali.

Noi magliste spesso la troviamo anche sotto il nome di bamboo, ma sempre di questa alternativa al cotone e alla seta si tratta; infatti questa fibra fu creata per rispondere alla sempre più ingente richiesta di tessuti simili alla seta ma alla portata di molte più tasche.

Fu così che nel 1883 il chimico francese Hilaire Bernigaud de Chardonnet trovò il metodo per ricreare questo materiale: trattando prima con soda caustica e poi con  solfuro di carbonio della polpa di legno (o di cotone, o di paglia, ecc) si ottiene il componente base per la creazione della fibra, ossia lo xantogenato di cellulosa, che poi verrà trattato nuovamente con soda caustica per avere in risultato una soluzione colloidale, in seguito estrusa per ottenere i filamenti che verranno roccati in apposite macchine per la produzione di filato.

Proprio per il suo scopo principale fu dapprima chiamata seta artificiale e poi rayon.


Il metodo industriale per ottenerla fu brevettato nel 1902 in Gran Bretagna dai chimici Charles Cross, Edward Bevan e Clayton Beadle, ceduto poi a Samuel Courtaulds che avviò la produzione industriale di viscosa nel 1906.


Fonti: Wikipedia

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails