martedì 21 febbraio 2012

Blaterando sui capelli lunghi

Molte donne crescendo, anzi diciamolo pure, invecchiando cominciano a tagliarsi i capelli.
Arrivate ai trentanni, zac! via le lunghezze per arrivare alle spalle... arrivate ai trentacinque anni (magari grazie o per colpa di qualche bel bimbo), zac! ecco che arrivano i caschetti sbarazzini... e una volta arrivati ai quaranta... zac! via tutto quello che rimane.

Foto tratta da Rowan Knitting & Crochet Magazine 48
Oserei dire che "only the brave", solo le coraggiose, tengono chiome come la mia nonostante l'avanzare dell'età.
Non ci vorrei leggere sottotesti, ma sembra quasi che una volta raggiunto il ruolo di "donna", fatta e finita, non sia più permesso sentirsi femminili in questo modo.
Trovo che non ci sia niente di più bello dei capelli lunghi e sani in una donna, di qualsiasi età.

L'ultima volta che sono andata dalla parrucchiera ho cambiato un po' le carte in tavola, rispetto al solito, ho cambiato la forma delle lunghezze (leggermente arrotondata, più corti ai lati e più lunghi al centro) e sono tornata con l'hime-cut (fatto malissimo da una che non sapeva come replicarlo da una foto).
Ero arrivata all'osso sacro, ma avevo diverse rotture negli ultimi cinque centimetri, specie nei ciuffi davanti, e ho dovuto tagliare.
Non avendo sfilature di alcun tipo sulle lunghezze, i miei capelli cominciavano anche a risentire del loro stesso peso: ne ho persi a manciate dalla radice prima per il ricambio stagionale e poi proprio per lo stress subito dal bulbo.

Questa primavera comincerò con un trattamento anticaduta serio, ma già adesso pratico più spesso maschere idratanti visto che mi ritrovo dei capelli molto porosi.

Il mio obiettivo rimane lo stesso però: raggiungere la lunghezza "classic", quella a metà fondoschiena... diciamo che cominci a sedertici sopra ma non troppo.
Una volta raggiunta la terrò sempre, finché i miei capelli saranno sani.
Non li taglierò mai più corti dell'osso sacro, quello è certo.

I miei capelli.
Fine agosto 2011.
Adesso sono più lunghi,
ho tagliato la frangia.

Di poche cose sono assolutamente certa.
Una di queste è che non porterò MAI i capelli corti, e per me cominciano ad esserlo quando non riesco più a toccarli con le mani quando cammino.

É una delle cose che faccio più spesso, al lavoro.
Sono arrabbiata, vorrei prendere e andarmene a casa e farla finita con tutto lo stress una volta per sempre.
Ma devo tenere duro, perché in fondo "è giusto così".
Perciò afferro la mia lunga treccia tra le dita, mentre cammino e attraverso portoni e aree dei capannoni... e mi dico che devo tenere duro, devo tenermi salda a questa mia corda di capelli.

Non mi nascondo dietro ad un dito e nemmeno sono così stupida dal dire che avere i capelli della mia lunghezza sia cosa semplice. O pratica.
Dico solo che io devo andare a spuntare dalla parrucchiera (perché ci tengo che siano perfette le punte) una volta ogni sei mesi, li lavo una volta la settimana - o comunque quando è necessario - e che so sempre come metterli in riga per uscire. A fare un'acconciatura di quelle complesse al massimo ci metto quaranta minuti (ed è bella complessa). Altrimenti a fare una treccia, al mattino, o un nautilus o un chinese bun meno di dieci minuti.
Se avessi un "bad hair day" con i capelli corti, non risolverei niente e andrei nel panico.
Mi andrebbero fuori taglio - almeno per me e i miei quasi due centimetri di crescita al mese - in un nano secondo, dovrei lavarli anche più spesso perché sono solo scalpo, e non saprei mai come mettere e come acconciare. No. Non fanno per me.
Ovvio, una con i capelli corti va dalla parrucchiera, sta seduta, in forse un'oretta scarsa ha finito shampoo, taglio e piega.
Io il più delle volte il taglio lo "subisco" in piedi perché non arrivano alle lunghezze, e dopo un'ora forse è tanto se hanno finito di tagliarli e hanno cominciato ad asciugare.

13 commenti:

Eilinor Rigby ha detto...

La storia di tagliarsi i capelli l'ho notata anche io. Sembra quasi che oggigiorno sia sconveniente avere i capelli lunghi.
Mi è capitato di parlare con persone che criticavano aspramente i capelli lunghi in donne anche solo di 30 anni, ritenute sciatte e con capelli da strega.
Sembra che i capelli siano belli solo se affidati periodicamente agli "esperti" del settore. Sinceramente però, a parte i costi proibitivi che stanno raggiungendo i parrucchieri in questo periodo, non trovo che riempire capelli di siliconi, lucidanti, piastrature, arricciature, sia da grandi esperti.
Preferisco anche io tenermi i mie capelli lunghi. Sogno, un giorno, di avere una bella treccia bianca. Oltretutto anche per me sono unsa sorta di talismano, li considero la mia parte migliore, e adoro coccolarli e coccolarmi ^-^

knitting bear ha detto...

Mi piace questo tuo post! Io ho 39 anni e, anche se non ho mai avuto capelli lunghi come i tuoi (non crescono così tanto), non ho voglia di tagliarli corti. I miei sono mossi, non è facile tenerli in ordine, ma li tengo ben oltre le spalle e, se agli altri non piace, pazienza, se ne faranno una ragione. Ci sono già troppi vincoli, troppe convenzioni a cui ci dobbiamo uniformare.

Maya ha detto...

Le mie cugine, mie coetanee, portano i capelli cortissimi ormai da anni (e con degli orripilanti colpi di sole biondi su base castano scuro O.O). Sembrano 10 anni più vecchie di me.
Io, anche grazie ai miei capelli lunghi, sembro ancora una ragazzina, a volte mi hanno scambiata per la sorella di mia figlia (che per i suoi 11 anni sembra un po' più grande - io ne ho 29).

Devo dire che non li porto lunghi come i tuoi, perché quando li avevo così lunghi non li tenevo mai sciolti e non me li "godevo", tra l'altro a tenerli sempre legati si rovinavano presto. Ora li porto un po' sotto le spalle e li accorcio da sola una volta l'anno. Questa lunghezza è perfetta per me, li posso portare sciolti o posso fare trecce (che adoro, in tutte le forme). Forse li lascio allungare un pochino giusto per avere una treccia più lunga :)

L'unico problema sono i capelli bianchi che cominciano a spuntare... e io non vorrei tingerli. Penso che proverò l'hennè, almeno finché saranno pochi penso che dovrei riuscire a mimetizzarli... e quando saranno più i bianchi che i castani, pace... sarò una capellona canuta :D

Detto questo... ti devo fare i complimenti, i tuoi capelli sono stupendi! Lucidissimi! Sei fortunata ad averli lisci... i miei sono mossi e mi piacciono molto, ma indubbiamente quelli lisci sono più facili da acconciare. E amo il tuo colore! Devo proprio decidermi a provare l'hennè :)

Didi67 ha detto...

E' tutta la vita che sogno di avere capelli lunghi come i tuoi, ma più di una certa misura non sono mai cresciuti. In più sono sempre stati un po'mossi, ma non ricci, una via di mezzo insomma che non è mai stata facile da acconciare. Adesso poi stanno imbiancando inesorabilmente ed io li tingo. Ma non vedo l'ora di lasciare che diventino tutti bianchi e chissà, magari allora, riuscirò a lasciarli crescere e finalmente potrò farmi una treccia!!!
Sai che c'è persino un detto:
" i capelli lunghi da dietro fanno liceo, davanti fanno museo", ma credo sia moooolto soggettivo.

Laura ha detto...

Io porto i capelli corti che ritengo molto pratici. I miei capelli, vista la loro grossezza e pesantezza, sono impossibili da tenere lunghi. Li ho portati lunghi fino alle scapole, per un periodo di tempo, poi ho dovuto tagliarli perchè pesavano troppo e mi facevano venire dei terribili mal di testa. Secondo me non è vero che una donna con i capelli corti è da considerarsi poco femminile, anzi, ci sono donne che sono molto più femminili con i capelli corti. Dipende poi dal taglio che il parrucchiere fa, ci son certi spaventapasseri in giro, quelli si che non sono affatto femminili!

Ekeloa ha detto...

@Laura: Non reputo i capelli corti poco femminili, non è quello che intendevo con questo post.
Semplicemente non capisco perché per convenzione sociale, superati i trentanni, non esiste la possibilità di portarli lunghi senza che questo venga interpretato come fuori luogo.
La mia migliore amica porta un taglio pixie (quindi ULTRA corto) e penso che non ci sia uno stile più adatto ai suoi lineamenti.
Su di me? É appena accettabile un caschetto. Corti corti? Giammai.

Rosa ha detto...

La penso come te. Superati i trentacinque anni 'sta convenzione sociale mi indusse a tagliare i capelli, ma inevitabilmente li riallungai. Non mi sentivo io.
Oggi vado per i 52 e ho ancora i miei capelli lunghi e...al diavolo le convenzioni!

paola ha detto...

Non dirmi che il mio lunghissimo commento e' andato perso...arrrrggghhhhh

PaolaeMargherita ha detto...

Ciao Ekeloa, nche a me è piaciuto molto questo post: credo di essere una delle poche 45enni (quest'anno) ad avere capelli lunghi da sempre. Mi piacciono tantissimo, i miei sono biondi (ora tinti, anche se magnificamente dalla mia parrucchiera) e mossi; li curo bene, compro i prodotti giusti, li taglio poco perchè mi piacciono lungji e poco scalati. Ho avuto tre bambini, ma non ho mai tgliato i capelli, nè tantomeno capisco le donne mamme che se li tagliano: ma perchè mai un figlio dovrebbe far cambiare look alla mamma? E poi i capelli lunghi sono così femminili, se sani e ben tenuti.

Brava Ekeloa, tieniti i tuoi bellissimi capelli lunghi!

Anna ha detto...

Io dai 18 anni in poi ho sempre portato i capelli corti, mi ci sono sempre trovata bene...sia per pigrizia, avevo dei capelli ingovernabili, e sia perchè non mi donavano più di tanto (non sono mai stata una gran beltà e cercavo di non peggiorare le cose con l'effetto befana...)
Adesso che ho 50 anni ho iniziato a portarli un po' più lunghi, tipo caschetto, anche se li devo tingere. Probabilmente si sono "sfoltiti" un po' oppure il taglio mi si confà...
I tuoi sono bellissimi...

paola ha detto...

OK, ci riprovo, dicevo che nonfacendo molto caso alle convenzioni sociali, non mi ero proprio accorta che lo fosse! In ogni caso io taglio un po' come un calendario maya, alla fine di ogni ciclo per rinascere al successivo. Questa volta ne ho sentito il bisogno dopo che e' nato il mio secondo, ma e' durata davvero poco, stanno gia' ricrescendo! I tuoi sono bellissimi e liscissimi (invidia!). Io pero' non riesco a farli andare oltre mezza schiena, si rovinano, ma mi piace, quando ricrescono sentire che iniziano a sfiorarmi le spalle ;)))

momma4 ha detto...

io ho vissuto tutta la trafila che descrivi, peggiorata anche da un esaurimento a 16 anni per cui eorsi i capelli e da allora li ho sempre avuti molto più radi. Adesso ho 54 anni e ho deciso da tre di lasciarli lunghi, e sono concorde con te in ogni parola che scrivi, compreso il fatto che non ho più un bad hair day da tantissimo. Li tengo acconciati e sono felice così, mi darei i cazzotti in testa perchè ho preso coosì tardi questa decisione???? Al diavolo le convenzioni!!

giuseppina ha detto...

Circa 15 anni fa (ero magra e carina poco oltre i 40) mia madre (sic) ed una tizia, mi criticavano i capelli sulle spalle dicendo: più avanza l'età più si devono tagliare i capelli. Ma fatevi i fatti vostri. Ho due figlie, una ha 37 anni, mamma da poco e con una lunga chioma castana, l'altra ha 35 anni e dopo il matrimonio si è quasi rapata, sono decisioni personali!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails