lunedì 9 aprile 2012

Dahlia, ago e filo e riordino

Stamattina ho finito il lace chart di Dahlia!



A parte la chiusura che secondo me non è venuta troppo bene: tira un po' troppo ma, tenendo conto che devo raggiungere i 33 cm di lato e sicuramente ho sforato un po' con la tensione, dovrei riuscire a contenere il tutto senza troppi problemi.

Così oggi pomeriggio, sempre se non approfitto del bel tempo per prendere un po' di aria, mi dedicherò ad Holly.

Nel frattempo sto stampando e catalogando tutti i pdf che ho nel mio computer, senza contare che vorrei dare anche una sistemata a tutti i cartamodelli che ho in ripostiglio.

Di cucito non parlo quasi mai qui, mi sembrerebbe un insulto a chi sicuramente ha più conoscenze di me e più tempo da dedicarci.
Scrivere di come fare una gonna in un'ora è, oltre che una balla, una presa in giro per chi vorrebbe realizzare qualcosa di portabile e invece si trova in mano con una porcheria.

La verità è che, con tutto che me la cavicchio, per fare una gonna a cerchio, chiusa con zip laterale (quindi due pezzi totali), ma anche per fare una "pencil skirt" (sempre due pezzi totali) non ci metto mai meno di quattro ore, dal cartamodello al capo finito.
Tutte le volte che ho provato a stringere i tempi, son venute fuori schifezze perché ci vuole tanta pratica, spazio e autocritica.

Per cercare di metterci un po' meno, l'ultima volta, non ho ripassato bene i margini di cucitura dal cartamodello ai teli e, lavorando con le cuciture all'inglese "allo sbaraglio", mi sono ritrovata con una gonna 4 cm più larga di quanto dovesse essere a livello del punto vita.
Stamattina, per rimediare e migliorare questa gonna ridotta a "prototipo", dopo averla lavata dovrò disfare la cinta in vita, tagliarla di nuovo (magari aggiungendo 2 cm per lato in altezza e mettendo della fliselina rigida), arricciare di nuovo la gonna in sé e imbastire la nuova cinta.
Dopodiché indossarla, verificare di aver fatto tutto giusto questa volta, cucire e rifinire.
Vorrei anche tanto aggiungerci un'asola e un bottone e, siccome le asole con la macchina da cucire non mi vengono mai bene, credo che la farò a mano.

3 commenti:

piola ha detto...

ciao sono paola e mi è piaciuto il tuo post.
come diceva mia nonna il tempo non lo vede nessuno ma il lavoro lo vedono tutti.
sono daccordo con te che non si può fare una gonna in un'ora (per me non ce la fa nemmeno una sarta più che esperta!!!!)ogni cosa va fatta con criterio non tanto per fare.

Tibisay ha detto...

Scopro questa tua nuova dote... anche io ultimamente sono attratta nuovamente dal cucito... ma Il marito ha requisito il mio spazio - macchina... come farò? mmmmmmm...

Babi ha detto...

Io non mi sono ancora cimentata in vestiti e capi d'abbigliamento, è già tanto per me ottenere una borsetta diritta...
Ho la macchina momentaneamente in riparazione, e per i pochi lavori che avevo in sospeso sono piombata a casa di mia nonna... così ho capito cosa significa lavorare con una macchina professionale, e ora chi torna indietro? ^_^

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails