mercoledì 6 luglio 2016

A lezione di vestibilità: vestire un uomo

Bottega Veneta, diverse stagioni fa.
La foto è copyright del proprietario dei diritti.
Nel caso in cui abbia leso qualche diritto,
provvederò a rimuoverla.
La struttura fisica degli uomini comporta una serie di accorgimenti quando si realizza della maglieria per loro.
In generale, tendono ad avere le spalle più grandi rispetto ad una donna, soprattutto a livello della schiena; perciò normalmente le accortezze che si hanno per lo spazio seno davanti nel caso del vestiario femminile, per l'uomo lo si deve avere nel tratto che va dall'inizio del giromanica fino alla
punta della spalla... che normalmente può essere 1 cm (ma anche qualcosina in più), più lungo rispetto al giromanica davanti, in modo da dare spazio non solo in larghezza ma anche in lunghezza ad una spalla un po' più generosa.
Come il problema del seno riguarda le donne piuttosto prosperose o con una notevole differenza di misura tra il torace e la vita (tipo la sottoscritta), quello della spalla non riguarda tutti gli uomini - ovviamente.
In linea generale aggiungere 1 cm in quel punto non comporta grossi problemi di vestibilità a nessuno (donne comprese) perché aiuta a mantenere il giromanica allineato correttamente sul davanti e sul dietro del capo... Ma nel caso in cui dobbiamo vestire un ragazzino o un uomo con una spalla non particolarmente prominente, possiamo ignorare questo dettaglio.

Sono fondamentalmente convinta, soprattutto nella moda uomo giovane, nel fare il fianco a "V", ossia mantenere il fondo della maglia più stretto rispetto al torace e aumentare i punti necessari per il torace lungo il fianco.
Se l'uomo in questione ha un fisico asciutto alla vita e con delle spalle ampie, trovo che questa struttura di fianco associata ad un raglan o ad una spalla a sella (o manica a martello, come preferite chiamarla), esalti ancora di più questa figura mascolina ed enfatizzi queste peculiarità... in generale trovo che comunque il raglan sottolinei particolarmente la spalla senza evidenziarla in maniera palese, quindi potrebbe regalarne l'aspetto pronunciato anche a chi tende ad averle strette... magari facendo la manica con un punto operato particolare (tipo trecce) o con un colore a contrasto forte.

Credo anche che sia necessario discutere con il successivo proprietario del futuro nostro progetto.
Sarò onesta: conosco ben pochi uomini che userebbero un maglione bulky sotto un cappotto in inverno o che soffrono il freddo in generale... quindi opterei ad un filato fingering-sport per una maglia e il bulky lo userei per fare una giacca / cappotto...
Secondo me è anche utile pensare molto ai cardigan, facili da mettere e togliere in base alle esigenze...

Un'altra peculiarità tipica per l'uomo è come gestire le dimensioni dello scollo: il maglione può essere pensato per essere indossato da solo, o sopra una camicia e cravatta.
Nel primo caso, una volta ottenuto il passaggio testa (ossia una larghezza e profondità minima per, appunto, poter far passare la testa - normalmente 18 cm di larghezza e 10 cm di profondità, se approfondite si può stringere la larghezza, se allargate la larghezza si può fare meno profondo), potete virtualmente fare quello che volete e dare qualsiasi aspetto sognate al capo... però per piacere, evitate lo scollo a barchetta per un uomo, so che è tanto "fescion" e alla moda e "GGGiovane", ma fa sembra solo ed esclusivamente dei gondolieri...
Mentre nel secondo caso, ossia l'accoppiata con camicia e cravatta, trovo fondamentale che si arrivi a vedere almeno il nodo della cravatta per intero, per rendere l'insieme visivo più rifinito ed elegante.

Nel caso in cui vogliate cimentarvi nel realizzare una polo, ricordate che il collo è la cosa fondamentale del capo che state per fare, dovrà essere sufficientemente rigido (valutate di scendere di 2-3 numeri di ferri), abbastanza alto dietro da coprire la cucitura alla scollatura della maglia, il più accostato al collo effettivo possibile: in questo caso, infatti, non dovete preoccuparvi troppo per il passaggio testa, tanto avete i bottoni davanti per aprire la maglia, piuttosto considerate che, una volta chiusa l'apertura, il collo sia "seduto" correttamente vicino al collo senza lasciare spazio vuoto, che il collo rigirato copra l'incollatura con rispettiva cucitura e che il "modello" lo senta confortevole!

Spero che questo post vi possa essere utile, vi darò suggerimenti riguardanti le donne la prossima settimana!

2 commenti:

LadeaKhalì ha detto...

Grazie Paoletta, come al solito dai delle dritte impagabile e per me è sempre un grande piacere leggerti. L'articolo me lo sono stampato per poterlo avere sempre a disposizione...

LadeaKhalì ha detto...

Grazie Paoletta, come al solito dai delle dritte impagabile e per me è sempre un grande piacere leggerti. L'articolo me lo sono stampato per poterlo avere sempre a disposizione...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails