venerdì 5 agosto 2016

I lavori in corso di questo momento e una digressione sulla lettura

Sono ancora arenata sulla scelta dell'astuccio da fare.
Non sono ancora sicura quale stoffa usare del pacchetto ricevuto, considerando che sono tutti "grissini" e che quindi dovrò lavorare anche un po' di patchwork per riuscire ad avere la dimensione necessaria per realizzarla.
Onestamente parlando, da dopo aver finito il vestito del matrimonio, non ho più avuto il tempo per tirare fuori la macchina da cucire... sono in fervida attesa dell'arrivo delle mie tanto agognate ferie per riprendere in mano delle sistemazioni da fare e il cucito.

Il Vitamin D procede un po' a rilento per mancanza di voglia, soprattutto... ho davvero bisogno di dare uno stacco alla vita lavorativa che, con i suoi normali alti e bassi, mi ha proprio portato allo stato di polpetta.

Tornando al discorso astuccio, credo proprio che alla fine la scelta ricadrà tra la classica bustina o quello a "scatoletta".
In entrambe i casi non credo che dovrò adesivare perché la stoffa esterna è già particolarmente rigida, sono ancora un po' indecisa se confezionarlo interamente a macchina o fare determinate parti a mano.

Il vestito bianco è ancora allo stadio in cui lo avete visto in foto: bello imbastito che aspetta solamente di essere cucito! Sono imperdonabile, lo so... però davvero, arrivo a casa la sera, scrivo e poi mi dedico un po' alla maglia e poi vado a letto a leggere.

Credo di averne parlato in passato su questo blog, però sono sempre stata un'avida lettrice.
Negli anni ho acquistato, preso in prestito e letto davvero tanti, tantissimi libri.
Fino al punto che non sono più riuscita a starci dietro con lo spazio... dato che ai tempi d'oro leggevo, in media 300 pagine al giorno. Che fanno diversi libretti a settimana o un paio di "tomoni" al mese.
Poi la vita mi portò a perdere questa passione in favore della stanchezza e sonno serale, così passai dal leggere troppo al leggere affatto.

Qualche anno fa, se non ricordo male correva l'anno 2010, con il terrore di ridurmi ad un blob lessicale e di perdere completamente l'uso del lessico italiano, comprai un e-book reader di bassa lega, in tempi in cui ancora non erano così diffusi, con cui ripresi a leggere... con meno "violenza" rispetto al passato, ma almeno avevo ripreso!

C'è stato un periodo in cui ho scritto sull'altro mio blog (ora morto) i libri che leggevo in un mese con delle anacronistiche sinapsi dove lasciavo educazione, rispetto e quant'altro nei cassetti del comodino e dicevo, senza farci tanti fioretti, se un libro mi aveva fatto schifo o meno.

Poi si ruppe il mio ebook reader. PANICO.
Così ripiegai sul fido Kindle di Amazon, il modello BASE. Niente retroilluminazione, niente touchscreen. Solo libri digitali, tutto ciò di cui avevo bisogno.
Sarebbe quello del link qui sotto, per quelli a cui potrebbe interessare.



Adesso sto leggendo "Tempesta di Spade, Fiumi della Guerra, Il Portale delle Tenebre: Libro terzo delle cronache del Ghiaccio e del Fuoco", altresì conosciuto come uno dei tomi che compongono la saga de "Il Trono di Spade" di George R. R. Martin.
Se non avete mai sentito parlare di questo, probabilmente vivete sulla Luna... perché ormai, oltre ad essere un caso letterario inaudito, è pure una serie televisiva della HBO che ormai è arrivata alla sesta stagione.
All'inizio non ero rimasta colpita in maniera positiva dalla trama e dalla serie, però piano piano mi ci sono innamorata e adesso sono davvero TDS-dipendente!
Così, tra una maglia, un vestito e un astuccio, sto anche leggendo... e spero che le ferie mi permettano di finire questo libro e cominciarne un altro!

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails