lunedì 8 agosto 2016

Perché scegliere di fare un maglione top-down?

L'unica motivazione che a me spingerebbe per scegliere di fare un maglione top-down è il "drape", che non so come si dica in una parola in italiano, ma significa grosso modo come "cade" il tessuto, come si drappeggia sulla persona.

Per chi di voi sa un minimo di sartoria, è la differenza che si crea quando si taglia una gonna svasata in sbiego rispetto che in drittofilo: "cade" in maniera molto diversa, ovviamente, e non ce n'è una meglio o una peggio, sono molto diverse e dipende dall'effetto che si vuole creare.

Gardis di Valentina Cosciani.
Foto di Leonardo Bonivento.

Dei recenti modelli che ho visto su Ravelry, trovo che Gardis di Valentina Cosciani sia uno dei perfetti esempi di cosa intendo per "drape" e il perché trovo che questo design sia perfetto per il top-down come ben pochi altri.
La svasatura del fondo, se fosse stata creata bottom-up, sarebbe risultata sicuramente più rigida e dritta, mentre sfruttando la capacità del top down di essere morbido, scivolato e meno sacrificato nelle lunghezze, esalta l'aspetto naturale della linea del capo, rendendolo non solo adatto alle "curvy", ma a qualsiasi fisico.


Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails