sabato 20 agosto 2016

Tutorial: costruire un "midori" / traveller's notebook di stoffa

Nel mio girovagare nel web ho scoperto l'esistenza dei midori.
Midori è un marchio giapponese che produce articoli di cartoleria di alta qualità dal 1950.
Uno dei suoi prodotti di maggiore successo nel loro catalogo è il "Traveler's Notebook" (il taccuino del viaggiatore).
La maggior parte dei proprietari di questi quadernetti li chiama semplicemente Midori... ed è per questo che sono conosciuti anche con questo nome.

Amato sia dai grafomani che dai disegnatori di tutto il mondo, il suo concetto è quello di essere "un quaderno che ti accompagna nel viaggio della vita di ogni giorno".
La sua prima commercializzazione risale al marzo del 2006 e da allora il Midori è diventato il quaderno preferito di tante persone di ogni età.

Questo "Midori" è in effetti un vero e proprio sistema, un po' come per le Filofax, con diversi formati: il regolare (alto 22 cm per 13 cm chiuso), il passport (alto 13,5 cm per 10,5 chiuso).
Normalmente viene commercializzato con una bustina di cotone, una copertina di pelle, un quadernino bianco e qualche elastico di gomma.

Ci sono migliaia di modi per personalizzarlo, non solo come sul sito ufficiale propongono ma anche come la creatività dei suoi utilizzatori si può ammirare ovunque nel web, primo su tutti su Pinterest (ricercate midori e vedete per credere!).

Ieri sera ho provato a realizzare il mio primo "fauxdori", ossia un midori traveller's notebook non originale con la stoffa.
Questo progetto è un prototipo per quello che dovrò realizzare in futuro, decisamente più grande, per contenere i quaderni/album fotografici con le foto della mia infanzia.
Ho deciso di fotografare tutti i passaggi e di condividere la spiegazione con voi, sperando che possano esservi utili o magari di ispirazione!
L'ho realizzato nella misura standard, ossia quella che ospita inserti di 21 cm di altezza per 11 cm di larghezza chiusa (22 cm aperti).

Materiali necessari:

  • Due quadrati di stoffa, uno per l'interno e uno per l'esterno di cm 25 x 25
  • Due pezzi di adesiva indeformabile (fliselina) rigida, sempre da cm 25 x 25
  • Orlo invisibile (io uso quello che si trova da Ikea nella zona tessuti) oppure sostituire l'adesiva con quella che incolla da entrambe i lati
  • Elastico rotondo a cordoncino, da almeno 2 mm di diametro
  • Punteruolo
  • Forbici
  • Ferro da stiro
  • Matita
  • Righello
Opzionali, sempre utili: rotella per tagliare stoffa, quintometro, superficie rigenerante da taglio, macchina da cucire.




La prima cosa da fare è accendere il ferro da stiro e lasciarlo scaldare bene.
Prepariamo sul nostro asse i due quadrati per l'esterno e l'interno, l'adesiva e l'orlo invisibile.
Non appena il ferro è caldo, irrobustiamo con l'adesiva ogni pezzo, in modo da avere alla fine di questo passaggio sia la copertina che la fodera adesivate.


Fatto questo passaggio, troviamo la metà dei nostri 25 cm (12,5 cm) e la segniamo sull'adesiva sia dell'esterno che della fodera, in modo da agevolarci con il posizionamento dell'orlo invisibile.


Tagliamo tre pezzi di orlo invisibile da 25 cm e li collochiamo al centro, in alto e in basso dal lato dell'adesiva della nostra copertina esterna; tagliamo altri due pezzettini da 5 cm e mettiamoli orizzontalmente a metà altezza lungo i lati esterni; posizioniamo poi sopra la fodera, rovescio contro rovescio.
Stiamo facendo "un panino", lasciando in mezzo ai due strati l'orlo invisibile e da entrambe i lati vediamo il "bello".
Passiamo poi il ferro in modo da incollare i due strati.



A questo punto il nostro risultato dovrebbe essere qualcosa di simile a questo:


Ora possiamo spegnere il nostro ferro da stiro, riporre l'asse e posizionarci verso la nostra zona di taglio.
Portiamo a misura la nostra copertina: rifiliamo il meno possibile per quanto riguarda la larghezza, mentre per l'altezza la portiamo a 22,5 cm.
Con l'aiuto di un righello o del quintometro, lungo il nostro centro segniamo ad 1 cm dai rispettivi margini un punto "base", poi riportiamo a 0,5 cm da questo punto per ogni lato il punto definitivo.
(La foto è più esplicativa delle mie parole, ehm).
Questi ci servono come riferimenti per fare i buchi con il punteruolo dove far passare i nostri elastici: quello centrale ci serve per l'elastico di chiusura, gli altri per gli elastici di rilegatura.


Siccome volevo mantenere uno stile molto semplice, ho rifinito il bordo esterno facendo uno zig-zag particolarmente ravvicinato con la macchina da cucire.
Per chi volesse farlo più rifinito, si potrebbe usare dello sbiego in tinta o in contrasto.


Fatta la rifinitura del bordo esterno, possiamo procedere con i nostri buchi.
Partiamo da quello centrale; abbiate cura di allargarlo bene perché inserire gli elastici è un incubo (LOL).
Inseriamo l'elastico in modo da avere un "anello" all'esterno e i due capi da annodare all'interno.
Se volete inserire un pendaglietto decorativo, ricordatevi di metterlo prima di chiudere tutto!




Per la misura dell'elastico, sono andata ad occhio in base alla larghezza, in modo che non fosse troppo abbondante ma nemmeno troppo stretto.


Per l'ultima fase, preferisco mettere la foto prima di spiegare, perché credo che sia più semplice seguire il filo piuttosto che le mie spiegazioni (ihihih).
Lasciamo una coda da una decina di cm, entriamo sul primo buco in alto a sinistra dall'interno verso l'esterno, passiamo dall'esterno verso l'altro buco e rientriamo verso la fodera.
Entriamo dall'interno sul buco direttamente in basso a destra, rientriamo dal buco di sinistra verso la fodera.
Gli elastici devono essere moderatamente tesi, in modo che la copertina si incurvi leggermente.
Annodiamo i due capi dell'elastico.
Ho tagliato il più possibile dopo il nodo, poi ho usato la fiamma di un accendino per da bloccare la fine dei fili in modo da evitare che si sfilaccino.


Queste foto rappresentano come si posiziona un inserto (e quello ritratto è il primo che io abbia mai fatto, pieno di imprecisioni... ma se mai si prova...)

E questo è il risultato finito!



Sicuramente ne realizzerò altri, sono velocissimi da fare e mi son divertita un sacco!
Spero che l'idea piaccia anche a voi!

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails