giovedì 8 dicembre 2016

Baby Surprise Jacket (BSJ) di Elizabeth Zimmermann: ai blocchi di partenza!

Finalmente riesco a trovare qualche minuto per scrivere decentemente sul mio pc (gli ultimi post erano dei last-minute digitati sul mio smartphone, indi per cui la scarsità di testo).
É un periodo particolarmente frenetico, e mi spiace di essere stata così sporadica negli aggiornamenti al mio blog, ma davvero... tra cucina e una vena di malinconia che mi prende sempre in questo periodo (la motivazione, per chi mi conoscesse da poco, è questa), senza contare un periodo lavorativo che mi ha privato di qualsiasi energia aggiuntiva... è stata (è) dura.
Sono anche sofferente per diverse altri aspetti della mia vita, ma questo (internet) non è il luogo secondo me per sfogare dissapori e amarezze, dovrebbe essere un posto di condivisione ed allegria...

Perciò eccomi qui a lanciare un KAL!
Il KAL in questione è riguardante il famigerato modello BSJ di Elizabeth Zimmermann, acronimo di Baby Surprise Jacket (potrebbe essere tradotto come "Il Cardigan a Sorpresa per Bambini"? Regia, un aiutino o una conferma, grazie!).
Questo capo di abbigliamento, nel mondo dell'aguglieria "moderna" che usa internet e conosce questi nomi di designer anglosassoni, è famosissimo: non è particolarmente complesso da eseguire, richiede solo due cuciture abbastanza facili e permette di creare un cardigan per bambini unisex (acquisterà "un sesso" una volta applicati i bottoni, a capo finito).

Per realizzare questo capo servono le istruzioni del modello, che ovviamente io non posso condividere per questioni di diritti d'autore ma che potete facilmente recuperare su internet: il modello era contenuto nel libro "Knitting Workshop", ancora acquistabile dal sito della Schoolhouse Press, la casa editrice che pubblica i lavori della Zimmermann... e sempre su questo sito è disponibile anche il PDF delle istruzioni di questo modello e della sua versione per adulti (la ASJ, Adult Surprise Jacket). Se seguirete i link che vi ho dato qui sopra riuscirete senza indugio ad ottenere la vostra copia!



Vi serve anche del filato.
La nostra amica Elizabeth parla di ottenere una tensione di "5 stitches for an inch", ossia 5 punti ogni 2,52 cm: se volete realizzare questo progetto ottenendo la taglia in particolare descritta dalle istruzioni, seguitela alla lettera usando un paio di ferri del numero adatto a raggiungere quella tensione.
Se per voi invece questo è un mero esercizio di stile oppure non vi interessa di raggiungere una taglia in particolare (della serie, "prima o poi gli andrà bene"), fate come la sottoscritta: me ne sono fregata (gulp!) e ho preso la prima merino da guerra che avevo sottomano per fare la prima versione, capirmi bene su come è strutturato il modello, e avviare il primo prototipo non definitivo... così da trovare quello che mi piace, quello che non mi piace e modificarlo per quello che regalerò alla mia futura nipotina (con un filato un po' più figo, ma non troppo che è pur sempre una neonata).
Quindi, per onestà, vi dico che sono già arrivata a metà / verso la fine del progetto, in modo da aiutarvi sulle meccaniche parti iniziali e per qualsiasi altra cosa non vi sia chiara.

Vi servono dei segnapunti, un paio a lucchetto o un paio di aghi di sicurezza (o spille da balia come preferite chiamarle): sono richiesti dal modello per segnalare dei punti in particolare dove vengono allineati dapprima le diminuzioni e poi gli aumenti.

Come competenze richieste, serve un master level in maglia legaccio (ahahhaha), saper fare gli aumenti (con qualsiasi metodo preferite) e la diminuzione che richiede nel modello, che sarebbe "sl 1, k2tog, psso", ossia "passa una maglia a diritto senza lavorarla, lavora due maglie assieme, passa la maglia non lavorata di prima sopra di queste due". La diminuzione doppia. Per farla facile.

Non serve sapere altro, per ora.
Sappiate che io sono una canna a cucire la maglia, perciò quella fase lì sarà arcana per me quanto per la più grande niubba della maglieria. É sempre la stessa storia, quella vecchia come il mondo, quella del calzolaio con le scarpe rotte: faccio questo mestiere da più di 5 anni esatti, riconosco difetti da lontano un chilometro... ma sono una pippa con le cuciture. Abbiate pietà di me!

Intanto, un grafico disponibile ovunque di cosa stiamo per andare a realizzare.


Per qualsiasi info sono qui, potete contattarmi tramite mail o nei commenti qui sotto.
Vi aspetto lunedì per i blocchi di partenza ufficiali, vi lascio il week-end per decidere come fare (e io nel frattempo mi informo per i metodi "legali" di aiuto).

5 commenti:

Maria Grazia ha detto...

Carissima Paola, mi sono riavvicinata alla maglia cinque sei anni fa e indovina un po' quale è stato il mio primo progetto? Un maglione top down realizzato stampando le istruzioni dal tuo blog. Istruzioni, devo dire oggi, precise e uniche. Uniche perché penso che in giro non ce ne siano così chiare e poi in italiano che allora, non ero proprio capace a leggere un modello in inglese. Il maglione lo porto ancora, e' perfetto nelle proporzioni meno nella realizzazione degli aumenti che, data la mia inesperienza, non sono precise nel verso e nel modo di prendere le maglie. Negli anni, la passione mi ha portato a voler conoscere bene tutte le tecniche e quindi sono arrivata a EZ. Ho molti suoi libri, ho fatto il BSJ, l'ASJ, il bottom up con lo sprone rotondo a più colori (mi sfugge il nome inglese), un altro da uomo sempre bottone up con la spalla che arriva seguendo il giro sul collo. Insomma, tanta strada, partendo però da qui. Oggi guardando questo post, con il progetto del BSJ mi sono passate davanti tutti questi ricordi. Mi fa proprio piacere che tu proponga questo capolavoro di EZ per riprendere il discorso maglia sul blog. Vai che sei bravissima, ciao

Maria Grazia ha detto...

PS per quanto riguarda le cuciture, io invece ho imparato a farle perfette, anche se raramente mi capita di fare maglie con le cuciture. Queste del BSJ però, sono veramente rognose, perché trattandosi di una costruzione particolare, seguendo la quale lavorando un unico pezzo aumenti e diminuzioni vanno a modellare il giacchino, le cuciture debbono essere realizzate su le spalle e maniche che vengono a trovarsi in modo in parte trasversale, da non poter effettuare una perfetta cucitura nascosta della maglia legaccio. Quindi, non ti crucciare, le cuciture nel BSJ sono sempre una gran rottura🙂

mara difa ha detto...

il libro c'è l'ho da un pò di tempo ed ora finalmete lo farò assieme a te ..... felice io.....

Mary Smith ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Pari Nidhi ha detto...

The wait of students is finally over as the Central Board of Secondary Education has announced the CBSE class 10th results. The students can check their results through the official websites of the board Cbse.Nic.in/, cbseresults.nic.in, www.cbseresults.nic.in.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails